seguici su facebook

Con Capitano Ultimo

Official Selection Taormina Film Fest 2014

Con Raul Bova

Official Selection Taormina Film Fest 2014

Taormina: e’ apertura con Bova, l’Ultimo capitano. Di scena il documentario di Ambrogio Crespi su De Caprio

La storia vera di un eroe raccontata da se stesso, senza poter mostrare il proprio volto, e da chi la faccia invece l’ha potuta e dovuta mettere, come Raoul Bova, per raccontare le sue avventure in una fiction televisiva di Canale 5. ‘Capitano Ultimo, la ali del falco’ di Ambrogio Crespi, presentato domani nel giorno di apertura del 60/mo Festival di Taormina, vede cosi’ due racconti quello del colonnello Sergio De Caprio, l’uomo che ha arrestato Toto’ Riina nel 1993 e che oggi fa un lavoro di recupero e assistenza, e quello dell’attore suo interprete e amico. ”Nel documentario – spiega Bova che sempre domani terra’ una master class – sentiamo tutte e due il dovere di fare qualcosa per tutte le persone che non hanno forza, coraggio. Le nostre idee – come dice Ultimo – volano molto alto”. E invece, sempre nel filmato, spiega lo stesso colonnello dei Carabinieri, preso ovviamente di spalle con un ingombrante eskimo con cappuccio: ”mi sono chiamato ‘ultimo’ quando tutti ho capito volevano essere primi. Volevano vincere, volevano farsi belli, fare carriera con la k. Ma a me di tutte queste cose non me ne frega proprio niente come a tanti altri carabinieri. Il nostro onore e la nostra gloria maggiore e’ lavorare per la gente povera. E nel momento in cui lo facciamo solo per aver in cambio qualcosa siamo dei traditori, mentre la lotta e’ del popolo e’ e deve rimanere al popolo”. E poi nel docu presentato a Taormina domani il colonnello, come una sorta di Virgilio ci introduce nella comunita’ che porta il suo nome, ‘Capitano Ultimo’, in uno dei quartieri piu’ degradati di Roma, Tor Bella Monaca. Qui, nella tenuta cosiddetta Mistica, si allevano falchi per responsabilizzare gli ospiti e farli crescere. Insomma un luogo di riabilitazione sociale anche per giovani ragazzi detenuti mandati agli arresti domiciliari in prova dai tribunali di sorveglianza. ”Lui mi racconto’ di fronte a un tavolo di legno, il tavolo degli ultimi, quello che era – spiega Bova – e da li’ ho capito l’importanza di chi avevo di fronte. L’importanza dell’uomo che dovevo rappresentare, di questo uomo che non si poteva far vedere perche’ comunque aveva ricevuto una grossa minaccia dalla mafia. Solo allora ho capito davvero l’importanza dell’uomo che stavo rappresentando”. ”Entrando nella comunita’ che porta il nome di Capitano Ultimo, si respira l’aria di liberta’ – spiega invece il regista Ambrogio Crespi gia’ autore di un docu su Enzo Tortora -. Quelle che ispirano le ali dei falchi, delle aquile e dei rapaci che vengono allevati sul posto per insegnare ai giovani ospiti delle casa famiglia sia il mestiere del falconiere sia a rapportarsi con la liberta’ di questi animali per poi cercare la propria”.

Fonte: Ansa

Acquista il DVD
Capitano Ultimo